Comunicazione importante 006

Parrocchia di S Biagio V e M. (Maranello – Fogliano)

Pace e bene!

Carissimi parrocchiani questo è il “COMUNICATO 006”.

Forse in questi giorni si abusa dei social, ma è l’unico modo di comunicare fra noi. Cerchiamo allora di comunicare il bene e per il bene.

5° Domenica di Quaresima – 29 Marzo 2020

Letture del Giorno

  • In chiesa, volendo, potete ritirare un foglietto per famiglia con le letture.
  • ADORAZIONE EUCARISTICA personale in chiesa, a ore 9.30 alle 17.30.

S Messa in TELEVISIONE o su PC e telefonino

  • In televisione ci sono le “solite” S Messe domenicali (TV 2000, Tele Pace, Tele Padre Pio…)
  • Vedi gli orari sui social di alcune parrocchie della Diocesi: chiesamodenanonantola.it
  • ore 18.00 nel Duomo di Modena su TRC (canale 11 digitale terrestre): Vescovo don Erio

Gestione ordinaria della Parrocchia

Sacerdoti

  • Continuo a ricevere solo SU APPUNTAMENTO con l’attenzione che il momento richiede.

Comunicazioni

  • Nei 2 gruppi di WhatsApp mando le stesse comunicazioni:

AvvisiParrocchiaMaranello con 256 persone (pieno)

AvvisiParrocchiaMaranell2 posso inserire altre persone.

  • Si vedano nel sito della Parrocchia: parrocchiadimaranello.com gli aggiornamenti.

Caritas

  • Distribuzione alimenti: Mercoledì dalle 13.30 alle 15.30, facendo le debite attenzioni.

Faccio appello alla vostra generosità: portate qualche genere alimentare (tonno, biscotti, farina, zucchero, olio) o per l’igiene personale (sapone, dentifricio, sciampo, pannolini per bambini n 4, 5, 6) per le famiglie più povere della nostra parrocchia. Potete lasciare qualcosa in chiesa quando tornate dalla spesa (evitando viaggi inutili).

Attività religiose

S. Messe – Preghiera

  • La nostra chiesa è molto spaziosa: propongo di entrare per la preghiera personale ponendovi a distanza. Chi desidera andare in chiesa nell’autocertificazione del 26-03-2020 barri la terza casella (sono 4) “situazione di necessità” e poi scriva: necessità di culto sulla base dell’articolo 1, comma 1, lettera “a” ed “i” del DPCM 8 Marzo 2020 (tale possibilità non è stata ancora negata).
  • Vi invito a 1) limitare le uscite 2) non avvicinarvi a nessuno 3) fare attenzione anche solo a non toccare gli oggetti (non è opportuno toccare le statue in chiesa), allo stesso tempo una visita in chiesa “in solitaria” non è da sconsigliare, sarebbe meglio fare una tappa mentre siete già fuori per altre necessità settimanali.
  • Le intenzioni per i defunti sono rispettate perché sia io che don Isacco celebriamo. Se volete potete telefonarmi per altre intenzioni.

Campane

  • Quando sentite il suono delle campane per un defunto / defunta FERMATEVI subito a dire una preghiera, in questi momenti non si possono celebrare i Funerali, ma non è vietato pregare. Come parroco applicherò la S Messa del giorno ogni volta che mi giunge notizia di un decesso. È doveroso precisare, poi, che si continua a morire anche per cause indipendenti a questo virus aggressivo. Si muore di tumore, di infarto e di altre malattie. Non sempre chi ci lascia è affetto da virus. In questo momento drammatico non possiamo accompagnare le persone sia umanamente che da un punto di vista religioso come si vorrebbe: questo è un grande dolore! Prestiamo l’orecchio al suono delle campane e PREGHIAMO per i defunti e per le loro famiglie!!!
  • Continueranno tutte le sere a suonare, non più alle 19.00 ma alle 19.30 invitandoci a recitare un Ave o Maria assieme, seppure ciascuno dalla propria abitazione.

Catechismo

  • I catechisti stanno seguendo il loro gruppo, come possono, con WhatsApp.
  • I genitori in questo momento particolare hanno la responsabilità di educare i propri figlia alla fede: non servono videoconferenze! I genitori educano con gesti concreti e quotidiani: la S Messa in TV tutti assieme sul divano (vi ho mandato nel gruppo di wapp delle indicazioni utili: in casa possiamo, ad esempio, alzarci in piedi per il Vangelo, possiamo inginocchiarci per la consacrazione), la preghiera prima dei pasti, la lettura della Parola di Dio e la condivisione, il racconto delle proprie esperienze di fede, la carità nei servizi domestici, l’essenzialità nelle cose che ci impone di non sprecare il cibo, la costante preghiera per gli ammalati e per gli operatori sanitari e per tutti quelli che lavorano al servizio degli altri, lo stile fiducioso con cui i cristiani attraversano le difficoltà senza perdersi d’animo perchè il Signore è accanto a noi.
  • Facciamo l’angolo della preghiera in casa: crocifisso, la Bibbia. Tutto parla: una candela, una corona del rosario, un’immaginetta, un fiore. Mandate a Don Paolo una foto del vostro ANGOLO DELLA PREGHIERA sarà pubblicata nel sito della parrocchia.
  • PRIME CONFESSIONI e PRIME COMUNIONI – vedremo.

Cestino delle Preghiere

  • Ogni volta che celebro la S Messa sull’altare c’è un cestino che contiene le intenzioni particolari di preghiera che vorrete fare presente: un genitore ammalato, un medico che è in corsia, una famiglia in difficoltà, un padre di famiglia che ha perso il lavoro, un figlio che non vede i genitori da mesi. Questo cestino dopo la S Messa resta davanti al tabernacolo, è un piccolo segno, ma il Signore che si è fatto uomo per noi certo terrà conto!
  • Potete mandare le vostre richieste e provvederò a fare questo segno per voi.

Comunione agli ammalati

  • Essendo le persone ammalate le più fragili si valuterà caso per caso, solo il parroco può autorizzare tale visita di volta in volta. Sconsiglierò, però, il più possibile.

Funerali

  • Saranno benedetti i feretri al cimitero in forma privata. È una grande sofferenza.

Sacramento della riconciliazione – confessioni

  • Riconciliazione nell’impossibilità di andare da un sacerdote:

Il Catechismo della Chiesa Cattolica recentemente ricordato da Papa Francesco dice:

1451 Tra gli atti del penitente, la contrizione occupa il primo posto. Essa è “il dolore dell’animo e la riprovazione del peccato commesso, accompagnati dal proposito di non peccare più in avvenire”

1452 Quando proviene dall’amore di Dio amato sopra ogni cosa, la contrizione è detta “perfetta” (contrizione di carità). Tale contrizione rimette le colpe veniali; ottiene anche il perdono dei peccati mortali, qualora comporti la ferma risoluzione di ricorrere, appena possibile, alla confessione sacramentale.

  • Don Paolo resta a disposizione, solo su appuntamento, rispettiamo però le precauzioni.

Sacramenti

  • MATRIMONI – coloro che avessero fissato Matrimoni nei prossimi mesi possono contattare don Paolo
  • BATTESIMI – coloro che avessero fissato Battesimi nei prossimi mesi possono contattare don Paolo

Settimana Santa e Pasqua

  • Non sarà possibile celebrare come consueto né la Domenica delle Palme né la Settimana Santa, né il Triduo Pasquale. Nel prossimo comunicato, sabato 3 Aprile, vi darò tutte le indicazioni.
  • Vi indirizzerò alle celebrazioni del Papa e del nostro Vescovo che sicuramente saranno trasmesse anche se in modo più sobrio: non ci sanno processioni delle Palme, né lavanda dei piedi (che era comunque facoltativa), né rito del lucernario (notte di Pasqua).
  • Non mancherò di essere presente, seppure in modo diverso, anche io:
  • prego e offro per voi;
  • celebro quotidianamente, come ho sempre fatto;
  • mando qualche risonanza;
  • sono e sarò SEMPRE presente, come il Signore vorrà concedere, nelle forme possibili;
  • ovviamente vale anche per Don Isacco che è con me.

Solidarietà

Troviamo il modo di aiutare chi ha necessità, magari semplicemente facendo la spesa per il vicino ed appoggiandola davanti alla porta, c’è una piccola linea che separa la corretta e doverosa attenzione al contagio e l’egoismo.

Vangelo nelle case

Si sono già attivati 5 gruppi di WhatsApp per il “Vangelo della Domenica” formati da poche persone che dopo avere letto, meditato, pregato il Vangelo della Domenica mandano un commento scritto o registrato. In questi Gruppi NON deve essere condiviso nient’altro se non il “commento” personale. Ogni gruppo ha un referente che, se occorre, si confronta con me. Chiedo la disponibilità ad altri di attivare questa minuscola iniziativa, fatemi sapere, grazie.

Preghiamo a vicenda – Salmo 23

Il Signore è il mio pastore:
non manco di nulla.

Su pascoli erbosi mi fa riposare,
ad acque tranquille mi conduce.

Rinfranca l’anima mia,
mi guida per il giusto cammino
a motivo del suo nome.

Anche se vado per una valle oscura,
non temo alcun male, perché tu sei con me.
Il tuo bastone e il tuo vincastro
mi danno sicurezza.

Davanti a me tu prepari una mensa
sotto gli occhi dei miei nemici.
Ungi di olio il mio capo;
il mio calice trabocca.

Sì, bontà e fedeltà mi saranno compagne
tutti i giorni della mia vita,
abiterò ancora nella casa del Signore
per lunghi giorni.

Oltre al Sito della Nostra parrocchia parrocchiadimaranello.com vi invito a vedere sempre anche il sito della Diocesi – chiesamodenanonantola.it

Ogni giorno, se occorre, vi mando qualcosa per la preghiera nel gruppo di WhatsApp: manderò un sussidio per la settimana, la bellissima catechesi del Papa di ieri sera ed altri suggerimenti. Non sempre posso rispondere in modo tempestivo, abbiate pazienza e se vi occorre qualcosa chiedete senza problema.

Io e don Isacco, grazie a Dio, stiamo bene, ma certo un po’ provati, come tutti, da queste restrizioni e dal non potervi stare vicini come vorremmo.

Vi benedico dalla nostra bella e amata parrocchia!

Maranello 28 Marzo ore 12.00

d Paolo